A cosa serve il coprimaterasso: info e consigli d’uso

Manutenzione del materasso: come lavarlo?

La manutenzione del materasso è un aspetto a dir poco fondamentale per assicurare che esso duri nel tempo, conservando bene o male le proprie caratteristiche. Esistono diverse modalità di lavaggio dei materassi in base alla composizione e al modello. Infatti ci sono i famosi modelli sfoderabili, i quali sono piuttosto semplici da pulire perché appunto si possono togliere le fodere e mettere in lavatrice, con programmi di lavaggio che solitamente non dovrebbero superare la temperatura di 90 gradi. Comunque sia è possibile chiedere al rivenditore, se non è riportato nel libretto. Per pulire il materasso interno il suggerimento che viene dato maggiormente, è quello il bicarbonato di sodio. In pratica il modo di procedere è il seguente: il bicarbonato va disteso sulla superficie del materasso dopo averlo battuto ed esposto al sole, passandoci in seguito l’aspirapolvere per eliminare gli acari, sia prima che dopo il trattamento con il bicarbonato.

In quale modo eliminare le macchie, suggerimenti e modi

Per eliminare le macchie dal materasso, nel caso si formino, bisogna tamponare con un panno asciutto, ad esempio in microfibra, imbevuto di soluzioni come acqua ossigenata oppure un detergente neutro. Bisogna strofinare non in modo energico, ma abbastanza delicato, ad esempio usando uno spazzolino da denti. Comunque sia quella che rimane la soluzione migliore per evitare macchie di diverso tipo, che si tratti di bevande, oppure sangue, pipì o vomito, è quella di munirsi fodera protettiva che riesce a preservare la salubrità e le prestazioni del nostro materasso.

La manutenzione per preservare l’igiene

Per fare in modo che il nostro materasso duri il più a lungo possibile senza dare segni di cedimenti o di perdita delle sue qualità igieniche contro polvere, acari, muffe e qualsivoglia agente patogeno, è necessario compiere periodicamente una serie di azioni: ecco i suggerimenti degli esperti in materia per quanto riguarda la manutenzione del materasso, in cui si prevede di:

  1. Dover arieggiare la stanza per circa 30 minuti ogni giorno,
  2. Una volta alla settimana esporre all’aria il materasso senza che sia oggetto dei raggi solari direttamente,
  3. Passare l’aspirapolvere su entrambi i lati del materasso e sui bordi per eliminare ogni possibile sedimento di acari,
  4. Lavare in modo sistematico  il materasso come descritto nel libretto delle istruzioni,
  5. Ruotare il materasso ad ogni cambio di stagione per evitare zone più usurate nel corso del tempo,
  6. Collocare il letto in una zona della camera che non sia soggetta ad umidità. In caso non sia possibile, sarebbe meglio munirsi di  deumidificatore.

Questi sono accorgimenti basilari, che però aiutano molto ad aumentare il periodo di “vita” del materasso. Alcuni modelli possono anche durare circa dieci anni. Se siamo allergici ad acari, possiamo optare sia per memory foam che per lattice. In questo ultimo caso dobbiamo solo essere consapevoli di non presentare alcuna allergia al materiale stesso, anche se di per se è abbastanza rara.

Materassi sanitari

Oltre che uno strumento indispensabile per il nostro comfort, in modo da determinare un riposo notturno ideale per affrontare l’intera giornata successiva, il materasso è anche un accessorio importantissimi sotto il profilo sanitario per coloro che presentano temporaneamente o purtroppo in maniera definitiva patologie che li obbligano a rimanere immobili. Per quanto riguarda lo Stato italiano, questo prevede di dare supporto a coloro che acquistano un materasso inteso. Questo viene considerato come dispositivo sanitario in classe attraverso una serie di agevolazioni fiscali, poiché alcuni di questi modelli, particolarmente complicati sotto il profilo tecnologico, hanno un costo molto elevato. Parliamo di materassi antidecubito nel particolare, i quali permettono di alleviare o ad impedire anche l’insorgenza di piaghe e ferite portatrici di infezioni in chi è costretto a rimanere a letto in modo fisso e permanente.

Il copri materasso: cosa sapere sugli accessori per il letto

Il nostro letto può avere alcuni accessori interessanti ed utili, come ad esempio una termo coperta oppur il famoso e essenziale copri materasso. Nel primo caso la termo coperta ha lo scopo di scaldare il nostro materasso, il nostro letto in senso più generale e pratico. Il calore verrà emanato dal basso verso l’alto, dando beneficio anche a coloro che soffrono di dolori alla schiena, o reumatismi. In generale viene però comprata dai clienti maggiormente freddolosi, che hanno bisogno di maggior tepore per addormentarsi, durante le notti più fredde.

Il copri materasso invece è usato spesso, o probabilmente sempre, questo serve a coprire proprio il materasso per prevenire la formazione di macchie, o almeno per ostacolare che si formino con un film protettivo si potrebbe dire.

Materassi gonfiabili elettrici, cosa sapere?

Esistono tante tipologie di materassi in commercio, come quelli  in lattice, quelli combinati, ad acqua e ad aria. Ma tra questi riconosciamo anche i materassi gonfiabili elettrici. Questi rappresentano dei modelli gonfiabili adatti sia per situazioni come il campeggio sia quando abbiamo ospiti improvvisi in casa. I materassi gonfiabili di questo tipo si caratterizzano per la presenza di una pompa elettrica, la quale è ideata e progettata per permettere un migliori gonfiaggio evitando la fatica dell’attività manuale.

Le caratteristiche, in modo riassuntivo, di un materasso elettrico di ottima qualità sono:

  • Materiali di qualità come PVC floccato o fibre di poliestere,
  • Forte resistenza a urti e forature,
  • Uno spessore compreso tra i 45 e i 50 centimetri almeno,
  • Capacità di isolamento termico,
  • Presenza di valvole e sistemi di bloccaggio efficienti,
  • Altri accessori aggiuntivi, i quali incrementano il grado di comfort come cuscini, compatibilità con pompe tradizionali e un kit per le riparazioni.

Conclusioni: manutenzione e copri materasso

Molto importante come si è visto è la manutenzione del nostro materasso, qualsiasi sia la sua composizione a livello materiale. Per quanto concerne soprattutto il lattice, è decisamente fondamentale una buona manutenzione per permettere una durata longeva nel tempo. Il bicarbonato come si è visto è un’ottima soluzione, anche per allontanare batteri. Il copri materasso infine, dovrebbe essere sempre impiegato, per mantenere una certa igiene del nostro letto. Questo soprattutto se il letto è matrimoniale, e quindi accoglie due persone. Per lavarlo, seguire le istruzioni che cambiano da modello a modello. Se poi vogliamo preservare ancor meglio il materasso, possiamo comprare delle fodere specifiche.

Studentessa universitaria di filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
Migliore Materasso Matrimoniale